Quali parole nella vendita

parole

Parole da usare e da evitare

Una trattativa vincente è curata nei particolari, ed è sempre poco dovuta al caso. In questo contesto c’è tutto un set di parole che devi tenere in valigia, mentre ce ne sono tante altre da scartare.

C’è un kit di parole che non devi assolutamente dimenticare, si chiamano “Sales Key Words”. Tanto per cominciare ci sono degli avverbi killer, che uccidono la trattativa in poco tempo.

Associazione di parole. Sales Key Words

Ovviamente, è un intercalare che è spesso presente nelle trattative di qualcuno. Si tratta di una parola killer che dà al cliente l’impressione di non essere abbastanza abbastanza intelligente. Sulla stessa scia gioca anche fondamentalmente. Considera che un cliente sa riconoscere cosa è per lui fondamentale, proviamo a sostituire usando la locuzione  “in altre parole…”.

Da evitare, se non in caso di molta confidenza, la parola consiglio. Considera che nella maggior parte dei casi la tua visita è diretta ad una persona perfettamente sconosciuta. Per quanto si possa essere abili e conosciuti nel settore, considera che per chi abbiamo di fronte, siamo dei perfetti estranei. Nel caso abbia bisogno di consigli, si rivolgerà a qualcuno di cui si fida. Si può smorzare la frase dicendo ad esempio, “ data la mia esperienza può considerare che…”.

Usata spesso, altra dicitura pericolosa è spero. Se usata spesso nella trattazione può farci apparire poco sicuri di ciò che proponiamo. Il consulente appare così debole e desta dubbi.

parole

Parole. Le parole che creano associazione

La trattativa deve essere un fluire in grado di impressionare positivamente un potenziale cliente. Usa sempre parole positive e non esprimerle mai con la loro eccezione negativa. Ad esempio, se un cliente afferma che il tuo prodotto è caro, riformula la sua affermazione chiedendogli: “caro cliente, perché la mia offerta ti sembra poco conveniente”. Il significato è uguale, ma nella testa di chi abbiamo di fronte si crea il duetto offerta, conveniente. Il nostro cervello si focalizza su delle parole ben precise, dimenticando o tralasciando giochi di parole o negazioni. Possiamo trasformare caro in conveniente, disservizio in performante (può capitare che il mio servizio non sia sempre performante al 100%), e così via.

Ricorda che il successo della tua trattativa sta nelle parole. L’ho ripetuto più volte negli articoli di questo blog, le tue parole sono la punta di diamante che possono smuovere il mondo. Usale con cognizione e portale a tuo vantaggio.